C’è un angolo nel cuore di Roma – a pochi passi dall’Isola Tiberina – nel quale alcuni professionisti del settore living accolgono i propri clienti per discutere insieme, davanti a una tazzina di caffè, di come dare corpo alla casa dei sogni. Progetti visionari, stanze che sembrano sospese nel vuoto e vere e proprie giungle domestiche prendono vita non solo fra le parole che architetti e amanti del design si scambiano nel salottino di Officinaleonardo, ma anche nella realtà, fra i soleggiati quartieri del centro della Capitale o fra le vie moderne della periferia.

Come racconta il d Leonardo Pascoletti, a capo dello studio, il maggiore punto di forza del team di Officinaleonardo è l’abilità di mettere sempre il cliente al centro, accogliendolo negli spazi dedicati al dialogo della sede di Piazzetta di Sant’Ambrogio 14 a Roma. Si mira a instaurare un rapporto di amicizia e, soprattutto, di fiducia oltre al più classico scambio professionale, il che favorisce la visione creativa e tecnica dell’architetto che, supportato dal cliente, può dare vita a vere e proprie opere d’arte da chiamare casa.

In studio si pianificano ristrutturazioni complete che vanno dai lavori concreti sull’immobile alle proposte per l’arredamento degli interni, dei “concept” da abitare, come li definisce il designer Pascoletti. I percorsi sono sempre cuciti addosso al cliente, in base a esigenze e tipologia di intervento da mettere in conto: in genere, si parte dalla proposta di uno studio generico con commento della planimetria in modo che il proprietario di casa possa iniziare a farsi un’idea di come risulterebbe il lavoro finito grazie alle prime immagini e schizzi realizzati a mano dall’architetto.

Un altro ottimo modo per trovare l’ispirazione giusta per il proprio spazio è ricercare fra i lavori precedenti proposti dal team Officinaleonardo – e consultabili dal sito www.officinaleonardo.co – il tipo di atmosfera che si intende ricreare negli ambienti interni, preparandosi sullo stile specifico perseguito dal singolo architetto e proponendo interventi in linea con quello stesso genere di realizzazione. In questo modo, si dà piena libertà al professionista di svolgere il proprio lavoro al meglio potendo, al tempo stesso, contare su un risultato che rasenta l’eccellenza. Una volta che le priorità sono state poste sul tavolo e che il rapporto professionale è stato consolidato, si può passare alla fase successiva, ovvero, la proposta di un meta-progetto. A questo punto, lo studio si fa più dettagliato e si può entrare nei dettagli, dalle sostanze materiche scelte alla definizione dei particolari di ogni ambiente grazie a render specifici che mostrano al cliente la sua casa che prende vita.

ARCHITETTO: PROFESSIONALITÀ IN AZIONE

Rivolgendosi a un architetto, si può avere a disposizione una visione di insieme e un servizio unitario che vanno al di là della più semplice ristrutturazione offerta da una ditta di costruzioni: l’architetto sa consacrare gran parte del tempo dedicato al lavoro richiesto alla comprensione profonda delle esigenze del cliente finale fornendo soluzioni all’avanguardia, dal design accattivante e totalmente personalizzate per esaltare al massimo ogni centimetro calpestabile a disposizione. Per questo motivo, è importante rinnovare la fiducia nei confronti di questo tipo di professionalità senza accantonare l’idea di un investimento maggiore volto al reperimento di materiali di qualità e di pezzi unici nel proprio genere. Una gratificazione necessaria per poter dare il meglio della propria creatività in tutta tranquillità e all’insegna della trasparenza. In questo modo, inoltre, si sbloccano i mezzi per avere un’idea sempre più chiara del prodotto finito grazie all’utilizzo di render altamente dettagliati, maquette personalizzate e realizzate grazie all’ausilio di una stampante 3D e perfino di visori VR per una visione immersiva nell’ambiente, un primato per lo studio dell’architetto Pascoletti.

NATURA, LUCE E COMPLESSITÀ SPAZIALE

Il team di Officinaleonardo può contare su una visione moderna e contemporanea dell’architettura con punti di forza che spaziano dall’attenta valutazione degli spazi allo studio dettagliato con implementazione di programmi complessi ma estremamente gratificanti. Gli spazi ricercati dall’architetto Pascoletti e dal suo team non sono mai banali: dove possibile a livello strutturale, si cerca di proporre un percorso che diventa filosofia di vita. Lo spazio interno viene calibrato in modo che ogni elemento che compone la visione d’insieme abbia la giusta opportunità per esplicare al meglio le proprie potenzialità, soprattutto gli oggetti che appagano il proprietario a livello psicologico. Per questo, non di rado si pensa a soluzioni che garantiscono un migliore equilibrio psicofisico fra le mura di casa come, per esempio, percorsi d’acqua fra bagliori e suoni che riportano la mente alla natura incontaminata generando maggiore benessere. “Natura, luce e complessità spaziale che dà il senso del viaggio”, sono questi i tre elementi distintivi che, secondo l’architetto Pascoletti, rendono il lavoro del team di Officinaleonardo davvero unico.

 

Fra i lavori più emblematici nel curriculum di Officinaleonardo troviamo “Tensocielo”, un progetto realizzato nel quartiere romano dell’Eur che ha completamente rivisto un salone buio e mal gestito per farne uno spazio nel quale inserire una sorta di navicella spaziale in acciaio corten con suggestive vetrate e un soffitto illuminato che dà l’impressione di essere sospesi fra tempo e spazio. Il nuovo salotto ottimizza al meglio gli spazi includendo un comodo divano-letto che trasforma completamente la stanza in un ambiente dedicato agli ospiti.

È nel quartiere San Giovanni, invece, la “Casa nel bosco”, un edificio dell’Ottocento completamente rimodernato dal team di Officinaleonardo mettendo in evidenza i preziosi mattoni in tufo e utilizzando forme curvilinee per realizzare una serra interna riempita da piante tropicali, punto di forza del salone. La forte insonorizzazione della struttura rende l’ambiente quasi onirico e, chiudendo gli occhi, sembra quasi di trovarsi nel folto del bosco. La palestra interna con piscina e hammam e la piccola sala di registrazione donano ulteriore valore all’intera struttura che si configura come un luogo adibito a lavoro e relax.

Fonte la Repubblica